Provvedimento del 18/04/2016 – Procedura esecutiva immobiliare r.g.e. 204/13 – dott.ssa M. Belardinelli

 

– Il Tribunale di Bologna – nella persona del giudice dell’esecuzione, all’udienza chiamata per determinare le modalità di vendita dell’immobile pignorato, ex art 569 c.p.c., ha disposto il rinvio dell’udienza avendo preso atto del deposito del ricorso per l’accesso alla procedura da sovraindebitamento effettuata dal legale del debitore qualche giorno prima.

- Nel caso in oggetto veniva depositato, nell’interesse del debitore, ricorso per l’accesso alla procedura da sovraindebitamento e relativa  Proposta di Liquidazione del patrimonio, ex art 14 ter, legge 3/2012  – rg. 1793/2016, tre giorni prima l’udienza fissata nell’esecuzione.

- Successivamente, il giudice del sovraindebitamento, ha provveduto a nominare l’organismo di composizione della crisi (OCC) con cui i consulenti del debitore hanno già svolto l’incontro funzionale al deposito della relazione di fattibilità.

Relazione che sarà depositata qualche giorno prima dell’udienza di rinvio fissata nell’ esecuzione.

- Tale relazione di fattibilità permetterà al giudice del sovraindebitamento di convertire la procedura esecutiva in procedura da sovraindebitamento (liquidazione del patrimonio, ex art 14 ter, legge 3/2012) in cui il bene pignorato sarà venduto con risparmio di costi a vantaggio del debitore.

- Il provvedimento pronunciato dal giudice dell’esecuzione ha permesso di ottenere il tempo necessario per far depositare la relazione di fattibilità all’OCC.

 

Causa seguita ed istruita dall’ Avv. Letterio Stracuzzi

Scarica pdf: Tribunale di Bologna – Rinviata Asta Immobiliare.pdf